Nel mondo digitale di oggi, è fondamentale per i professionisti di qualsiasi settore sviluppare una strategia di Marketing Sanitario multicanale che raggiunga i clienti-pazienti sui canali che preferiscono utilizzare. In particolare per gli operatori sanitari, la sfida consiste nello sviluppare una messaggistica su misura attraverso i canali che promuova l’impegno dei pazienti e una società più sana in generale.

Pensa all’ultima volta che sei andato online per cercare informazioni sanitarie. Forse era per risposte rapide sulle possibili cause del mal di testa persistente che hai avuto nelle ultime settimane oppure per una contusione al ginocchio di tuo figlio.

Non sorprende che la prima inclinazione sia quella di aprire  direttamente Google – prima ancora di chiamare il medico di base o il pronto soccorso. I dati del Pew Research Center mostrano che il 77% di tutte le richieste di informazioni sanitarie inizia su un motore di ricerca, con ben il 72% degli utenti Internet totali che hanno cercato online informazioni sanitarie nell’ultimo anno.

Quindi, cosa significa questo per gli operatori sanitari? Come risultato di questo cambiamento nel processo decisionale del paziente, il Marketing Digitale nel settore medicale è diventato fondamentale perché aiuta a comunicare, acquisire, coinvolgere e trattenere pazienti e medici con successo.

Diamo un’occhiata alle prime 10 best practice (le ultime 10 le puoi leggere qui) di campagne per gli operatori sanitari per migliorare i risultati economici delle loro attività e creare migliori risultati per i pazienti finali:

1. Assegna una spesa di Marketing Digitale sufficiente



Il Marketing Digitale Sanitario non è, con ogni sforzo di immaginazione, un nuovo concetto: le statistiche mostrano che una società media assegna circa il 42% del proprio budget di marketing alle spese online.

Il trucco, tuttavia, è determinare in anticipo dove e come allocare il budget tra vari canali (ad esempio, marketing sui motori di ricerca, pubblicità display online, social media, mobile, ecc.). Con un sistema di CRM sanitario in atto, i marketer possono espandere la loro portata nel Marketing Sanitario costruendo, implementando e monitorando la messaggistica multicanale che massimizza il ritorno sull’investimento.

Data la ricchezza delle informazioni sui pazienti disponibili per gli operatori sanitari di oggi, è fondamentale non solo integrare più fonti di dati in un CRM sanitario, ma anche allineare gli sforzi di tutti i reparti della struttura (vendite, contact center, staff medico, ecc.). Un programma di Marketing Sanitario veramente integrato richiede un approccio interdisciplinare che sfrutta le intuizioni dei pazienti di tutti i reparti e garantisce uno sforzo e una coerenza coordinativi.

2. Sviluppa un processo collaborativo con tutto il team

Data la ricchezza delle informazioni sui pazienti disponibili per gli operatori sanitari di oggi, è fondamentale non solo integrare più fonti di dati in un CRM sanitario, ma anche allineare gli sforzi di tutti i reparti della struttura (vendite, contact center, staff medico, ecc.). Un programma di Marketing Sanitario veramente integrato richiede un approccio interdisciplinare che sfrutta le intuizioni dei pazienti di tutti i reparti e garantisce uno sforzo e una coerenza coordinativi.

3. Incorpora nuove idee e canali



Tuttavia, una strategia di Comunicazione Sanitaria interdisciplinare non può essere aggiunta solo all’infrastruttura di marketing esistente. Al fine di massimizzare l’efficacia del marketing, è importante rimanere aggiornati con il mutevole panorama dell’assistenza sanitaria, incorporando nuove idee e canali nel programma secondo necessità.

I dati FICO, ad esempio, mostrano che l’80% dei consumatori preferisce utilizzare i propri smartphone per interagire con i propri operatori sanitari. Questo significa che le strutture medicali e i professionisti del settore devono adeguare di conseguenza i propri programmi di comunicazione e i propri servizi in funzione di questa nuova esigenza dei pazienti.

4. Allineati con le richieste del consumatore

Nonostante la crescente pressione verso i media digitali, le strutture sanitarie devono anche essere in grado di mostrare un ROI positivo associato agli sforzi digitali. Il modo migliore per farlo è allineare gli sforzi di marketing alle esigenze espresse dai consumatori e alla business intelligence.

È qui che entra in gioco il lato analitico della piattaforma CRM per il settore sanitario. Dopo che i dati sono stati compilati e integrati nel sistema, le strutture sanitarie possono esplorare e analizzare le informazioni, attribuendo gli sforzi di marketing ai risultati clinici e finanziari.

5. Punta sui social media

Come rilevato nel Global Trust in Advertising Survey di Nielsen, il 92% dei consumatori si fida delle opinioni delle persone che conoscono. Nello spazio sanitario, questo si traduce in pazienti che si affidano ai feedback sanitari online relativi a medici, professionisti e strutture.

La sfida, naturalmente, è ottenere questo gruppo inevitabilmente occupato per contribuire al tipo di contenuto che i pazienti stanno cercando. Un modo per farlo è incoraggiare i pazienti a educarsi su determinati argomenti usando il live tweeting. Nel 2013, il St. Vincent Charity Medical Center ha catturato l’attenzione di migliaia di utenti di Twitter tramite il live-tweet di una ricostruzione totale del ginocchio. Questo alla fine ha generato interesse e fiducia nell’ospedale.

6. Sii proattivo-reattivo

Nessun settore sta vivendo la stessa – per portata – trasformazione digitale di quello sanitario. Per gli operatori sanitari, questo presenta parallelamente sia sfide che opportunità. I medice e le strutture sanitarie proattivi controlleranno i cambiamenti nelle tendenze, gli interessi e i comportamenti dei consumatori e saranno pronti a rispondere.

Sfruttando il reporting e l’analisi in tempo reale, è possibile approfittare di opportunità inaspettate (ad es., Marketing mobile, live tweeting, ecc.) non gestibili fino a  qualche anno fa.

7. Non aver paura di sperimentare (e fallire, perché significa reinventarsi)

Nel 2015 è stato lanciato Apple Watch. Inizialmente, questa tecnologia indossabile intendeva fornire un modo per mantenere gli utenti connessi ai loro telefoni senza avere in mano materialmente il telefono. L’utilità di Apple Watch per l’assistenza sanitaria è stata rapidamente realizzata in brevissimo tempo: gli utenti stanno ora apportando cambiamenti salutari allo stile di vita, tra cui camminare più spesso, fare scelte dietetiche più sane e praticare sport più regolarmente. Ben l’83% dei proprietari di Apple Watch ritiene che il dispositivo contribuisca positivamente alla loro salute generale.

L’imperativo che ne deriva per i professionisti del settore sanitario è quello di abbracciare il cambiamento – perché il cambiamento nel settore sanitario è qualcosa di ormai avviato e in netto divenire. Può essere scoraggiante esplorare una nuova tattica o canale, invece di affidarsi a tecniche collaudate, ma senza sperimentazione, è impossibile sapere cosa funziona e cosa no.

8. Fidelizza il paziente

Come ogni operatore sanitario sa, creare fiducia con il paziente sin dalla prima visita in studio è fondamentale ma ancora di più mantenerla salda durante l’intero percorso assistenziale. Creare però il tipo di connessioni che ispirano la cura proattiva del paziente a lungo termine è più facile a dirsi che a farsi.

L’IMS (Institute for Healthcare Informatics) mostra che il 40% dei consigli sanitari online viene fornito dai social media, che se ben utilizzati, possono fornire agli operatori sanitari l’opportunità di coinvolgere una grande percentuale di pazienti attraverso le reti che cercano informazioni mediche.

9. “Sfrutta” l’intelligenza della concorrenza

Un risvolto diretto di questo massiccio evolversi delle Marketing Sanitario è l’aumento della competizione tra le organizzazioni sanitarie tra loro sempre più agguerrite per accaparrarsi nuovi pazienti. Gli operatori sanitari proattivi lo capiscono e si tengono aggiornati su ciò che i loro diretti concorrenti di settore stanno facendo per rimanere invece sempre come maggior know how per i consumatori finali.

La tattica specifica varierà tra le diverse strutture e medici, ma esempi di come sfruttare l’intelligenza dei concorrenti potrebbero includere l’auditing competitivo o semplicemente il monitoraggio dei profili social dei concorrenti. Il risultato finale è la comprensione della concorrenza e l’ottenimento di strategie attuabili basate sull’analisi.

10. Guarda verso il futuro e aggiornati

Come notato sopra, abbiamo già visto l’impatto dei nuovi canali di comunicazione come i social media e mobili nel settore sanitario. La domanda diventa: come possono i professionisti della sanità prepararsi per questa imminente ondata di innovazione del Marketing Digitale? Dal momento che la natura del Marketing Digitale deve essere in continua evoluzione, i professionisti del settore sanitario devono essere consapevoli dei cambiamenti – a volte non ancora completamente chiari – legislativi, tecnologici, innovativi a cui sta andando incontro il settore.

 


Libri consigliati - Marketing Sanitario

Vedi tutti i nostri Libri - Itaca Lab