L’Healthcare diventa digitale

L’introduzione del digitale nel servizio sanitario è sempre un punto di discussione e nell’articolo vengono analizzate cinque affermazioni comuni sull’uso dell’Healthcare Marketing nel Servizio Sanitario inglese, l’NHS.

Alcuni sono più veri di altri? L’articolo attinge a una serie di recenti sondaggi nazionali e analizza le affermazioni comuni sull’accesso e l’uso della tecnologia – e chi potrebbe essere escluso in caso di passaggio all’ingrosso a servizi sanitari digitali.

Con l’NHS impostato per abbracciare ulteriormente la tecnologia digitale per migliorare l’erogazione dell’assistenza sanitaria, coinvolgere i pazienti nell’uso della tecnologia sarà fondamentale. Un’app NHS verrà lanciata entro la fine dell’anno, ma nessuno la utilizzerà? Altrettanto importante è il fatto che il lancio di nuovi servizi sanitari digitali possa migliorare l’accesso e la cura dei pazienti più giovani e sani, senza perdere i pazienti più vulnerabili, meno sani e più anziani.

1 – Le persone anziane non usano la tecnologia

I più giovani usano decisamente di più Internet, ma la variazione tra le fasce d’età sta diminuendo, ad eccezione delle persone di età superiore ai 75 anni.

Nel primo trimestre di quest’anno, solo il 38% delle donne e il 51% degli uomini di età pari o superiore a 75 anni avevano utilizzato internet nei tre mesi precedenti e il divario rispetto ai giovani è in aumento.

Ma la relazione tra età e esperienza digitale non è semplice quando si tratta di salute. Il gruppo di età più giovane non è il più alto utente di informazioni sanitarie online, né è più probabile che prenoti un appuntamento online.

Nell’assistenza primaria, la consapevolezza dei servizi online, come la possibilità di prenotare un appuntamento, è più alta nella fascia di età 65-74 anni, con quasi la metà delle persone a conoscenza di questi servizi. E più di un quinto delle persone in questo gruppo dichiara di ripetere le prescrizioni online – il gruppo più propenso a farlo. Quindi quelli in questa fascia d’età stanno recuperando terreno.

generation-gap-internet

2 – I servizi digitali sono meno accessibili alle persone con esigenze di salute complesse

L’uso generale di Internet è più basso tra le persone disabili – definite come “malattia di vecchia data, disabilità o menomazione che causa sostanziali difficoltà nelle attività quotidiane” – ed è particolarmente vero tra le persone anziane. Tuttavia, il divario è maggiore per alcune attività rispetto ad altre.

Per le attività in cui l’utilizzo si è stabilizzato o diminuito, come le e-mail, l’Internet Banking e il social networking, il divario tra le persone disabili e non disabili si sta riducendo. Il divario è cresciuto per la ricerca di informazioni su beni e servizi e per l’utilizzo di siti web ufficiali. Per entrambi i gruppi c’è stato un calo nella prenotazione degli appuntamenti online.

Esistono buone prove del fatto che la tecnologia ben sviluppata per l’Healthcare Marketing può dare potere ai pazienti disabilità a lungo termine. Ma ci sono importanti eccezioni, come le persone con difficoltà di apprendimento, la demenza o la vista, per le quali sia la consapevolezza che l’uso dei servizi online sono più bassi.

3 – Le persone socialmente escluse sono lo sono anche nel digitale

L’alfabetizzazione sanitaria – la capacità di utilizzare e navigare tra le informazioni e servizi sanitari e di assistenza sociale – è nota per essere legata alle circostanze sociali e agli impatti dell’utilizzo dei servizi sanitari e sui risultati dei pazienti. È stata inoltre sollevata la preoccupazione circa l’impatto delle circostanze sociali sull’impegno digitale.

Le differenze nell’uso di Internet tra i gradi sociali – un sistema di classificazione basato sull’occupazione – mostrano che l’uso di Internet tra i giovani è simile tra i diversi gradi, ma il divario si allarga con l’età.

Il 91% degli uomini e l’85% delle donne oltre i 65 anni in occupazioni manageriali e professionali usano Internet. Ma per i lavoratori semi-qualificati e non qualificati e le famiglie che fanno affidamento sui sussidi, solo il 51% degli uomini e il 50% delle donne oltre i 65 anni lo fanno.

Le persone con un alto livello sociale sono anche molto più disposte a utilizzare una consultazione video con il loro medico di famiglia. Le persone che sono economicamente inattive hanno meno probabilità di essere utenti di Internet, ma i tassi di utilizzo di Internet sono simili tra le persone occupate (98%) e quelle che non lo sono (97%).

social

4 – I gruppi etnici sono esclusi digitalmente

Il divario tra i gruppi etnici nell’uso di Internet si è ridotto nel tempo e solo i gruppi non bianchi hanno tassi di utilizzo più bassi per le persone oltre i 65 anni. Tuttavia, l’uso complessivo di Internet è ora più basso tra i bianchi, che riflette l’età media più anziana di questo gruppo.

5 – L’accesso a Internet è peggiore nelle aree rurali

Mentre ci sono indubbiamente variazioni nell’infrastruttura per l’accesso a Internet tra aree urbane e rurali, questa non è l’intera storia. I bassi tassi di utilizzo di internet riflettono fattori disparati: infrastrutture carenti e percentuali più elevate di anziani nelle aree rurali, ma una maggiore privazione nelle aree urbane.

La mappa mostra la proporzione  – dati raccolti tra gennaio e marzo 2018 – di persone nel Regno Unito che hanno smesso di usare o non hanno mai usato Internet nei precedenti tre mesi.

Mito e realtà?

L’uso generale di Internet ha raggiunto il livello massimo e molti utenti di Internet in precedenza meno attivi stanno recuperando rapidamente. Tuttavia, quelli che potrebbero continuare ad avere un basso accesso digitale sono le persone con più di 75 anni, gli accompagnatori, quelli con più di 55 anni nelle classi sociali più basse e le persone con demenza, ictus e difficoltà di apprendimento.

Poiché i servizi sanitari e di cura guardano sempre più all’Healthcare Marketing per fornire informazioni e servizi, è probabile che sarà necessaria una combinazione di strategie per garantire che questi gruppi non siano ulteriormente svantaggiati. Mentre le iniziative per migliorare le competenze digitali sono state efficaci, ci sono notevoli difficoltà nell’ottenere e mantenere i pazienti impegnati nei servizi digitali. È probabile che siano necessari metodi di accesso non digitali per il futuro, altrimenti saranno esclusi quelli a maggior rischio.

Data la crescente dipendenza dai mezzi digitali per la fornitura di servizi, è forse giunto il momento di considerare il basso utilizzo di Internet come una misura della disuguaglianza.