Con la sempre maggiore penetrazione degli smartphone, l’India è ora il più grande mercato per diverse piattaforme di social media. Si tratta del più grande mercato per Facebook con 270 milioni di utenti con in testa città come Delhi e Bangalore. L’India è anche emersa come il terzo più grande mercato di Instagram e la settima più grande per Twitter.

Data questa vasta portata e la capacità di essere parte di conversazioni iperlocali, le aziende produttrici di prodotti e i fornitori di servizi sanitari utilizzano attivamente piattaforme di social media rilevanti per interagire con i propri clienti esistenti e potenziali. Settori tradizionali come FMCG, Servizi bancari e finanziari, Commercio al dettaglio e Real Estate nonché aziende Digital Disruptive hanno ampiamente sfruttato le piattaforme di social media per interagire con i clienti. È giunto quindi il momento anche per il settore farmaceutico e di assistenza sanitaria di iniziare a utilizzare i social media nelle loro strategie di marketing digitale.

In un recente sondaggio sul coinvolgimento dei pazienti intitolato “Reti sociali per migliorare la salute dei pazienti” del New England Journal of Medicine (NEJM Catalyst, una nota società con sede nel Regno Unito), il 99% degli intervistati riconosce che i social network sono potenzialmente utili per l’assistenza sanitaria. Circa l’85% degli intervistati ha confermato l’utilizzo di piattaforme di social media per la gestione delle malattie croniche e il 78% degli intervistati ha fatto riferimento ai social media per comportamenti salutari come perdita di peso, attività fisica e alimentazione sana.

Circa 3/4 dei membri dell’Insight Council, che hanno risposto alla survey, riferisce che la loro organizzazione utilizza alcuni tipi di social network come parte integrante delle loro iniziative di divulgazione sanitaria, ma il 90% di essi sostiene che “questi social network non siano ancora maturi o che lo siano solo lievemente”.

Quali sono le tendenze in India riguardo i social media ?



Dalle donne che ricevono trattamenti di fecondazione in vitro, ai pazienti affetti da malattie croniche o semplicemente si imbattono in un incidente – tutti sono in cerca di informazioni pertinenti online. Anche i dati di Google Analytics in India riflettono una tendenza simile. Nel 2018 ci sono state circa 1.320.000 ricerche su Google per “Diabete”. Per un’azienda farmaceutica e un esperto di marketing, questo si traduce in oltre un milione di potenziali pazienti con cui possono avere conversazioni coinvolgenti.

Ciò richiede un approccio completamente nuovo del Marketing Digitale basato sulla dashboard e una nuova generazione di agenzie partner che offrono comunicazione integrata di strategia di marca, pubblicità PR, advocacy ed eventi pianificati contro la base del panorama digitale in rapida crescita.

Uno schermo sempre più ampio sugli smartphone consente conversazioni basate su clic in cui una persona può semplicemente “toccare” sullo schermo del telefono per “saperne di più”. Queste conversazioni con pazienti, assistenti sanitari, familiari e professionisti o organizzazioni sanitarie possono creare conversazioni interessanti che sono estremamente rilevanti e possono superare le barriere geografiche, la divisione socio-economica e il linguaggio.

Ad esempio il giovane dottor Mikhail Varshavski comunemente noto come Doctor Mike, un medico celebrità russo-americano che lavora nel New Jersey ha 859k follower su Facebook, 156k follower su Twitter, 3.100.000 su Instagram e oltre 1.690.000 visualizzazioni su Youtube! Diversamente i medici in India devono ancora imparare a sviluppare la loro presenza online, magari partendo da piattaforme come Practo, Lybrate, Sehat, JustDial e CrediHealth.

 

Social media per la gestione delle patologie croniche e la promozione di comportamenti a tutela della salute



Man mano che l’uso dei social media diventa più diffuso, gli operatori sanitari, le piccole e grandi aziende che forniscono medicinali e servizi sanitari richiederanno la gestione della reputazione e il controllo delle crisi in caso di qualsiasi commento negativo e reazione da parte di pazienti infelici.

Facebook e altri siti social media fanno vedere nella vita di tutti i giorni la potenza delle reti sociali e delle influenze che gli individui esercitano sui comportamenti altrui. Storicamente, la divulgazione sanitaria si è esclusivamente focalizzata sui singoli pazienti.

Sta crescendo sempre più la consapevolezza che i social network in ambito sanitario – quali PatientsLikeMe e Connected Living – possono essere di aiuto a migliorare i comportamenti a tutela della salute. I social network possono mettere a disposizione informazioni preziose e comunità per i pazienti che altrimenti si sentirebbero abbandonati a combattere da soli una patologia nuova o già esistente.

Il futuro delle campagne di Marketing Sanitario può educare alla prevenzione e all’individuazione di malattie, partecipare a conversazioni con gruppi di pazienti di supporto, condividere storie sulla gestione delle malattie e anche contribuire a raccogliere fondi attraverso il crowdfunding.


Libri consigliati - Marketing Sanitario

Vedi tutti i nostri Libri - Itaca Lab